Partner

Partner

Gruppo Mauro Saviola

gruppo Saviola Il Gruppo Saviola integra sinergicamente diverse aziende nazionali e internazionali focalizzate su tre mondi: legno, chimica e mobili. Il fatturato consolidato del Gruppo lo pone da anni fra le prime 300 realtà industriali italiane per importanza e fra le prime al mondo nei settori di riferimento. Il Gruppo Saviola è un sistema industriale integrato verticalmente capace di raggiungere numerosi primati nei diversi mercati in cui compete, sia per volumi di produzione sia per tecnologie adottate. Il segreto di questo successo inizia nel 1963. Da anni l’azienda focalizza la propria politica aziendale sul concetto di sostenibilità, negli anni, infatti, sono state attuate molte azioni in tal senso, dal produrre pannelli usando solo legno da post-consumo, allo sviluppare resine uniche al mondo per il ridotto impatto ambientale, fino a produrre energia pulita dai propri processi. I risultati sono evidenti: 10.000 alberi salvati ogni giorno, 14 stabilimenti fra Italia, Belgio e Argentina, 1,5 milioni di tonnellate di legno di recupero lavorate ogni anno, 22 centri di raccolta in Italia e in Europa. Alcune eccellenze: Il Pannello Ecologico, l’unico pannello truciolare a possedere la certificazione FSC Legno Riciclato 100%. Il pannello ecologico LEB, il pannello truciolare con la più bassa emissione di formaldeide al mondo. Prodotti innovativi che provengono dall’area Innovazione, come il Saviotan – tannino naturale estratto dal legno di castagno impiegato nell’industria conciaria e nell’alimentazione animale – o il Sazolene – fertilizzante nobile a lenta cessione di azoto utilizzato inizialmente in agricoltura ma che interessa molti altri ambiti (giardini, campi da golf). Prodotti che sono il frutto di una tensione continua al perfezionamento dei processi di produzione e che tengono presente fin dal concepimento l’imprinting dato dal fondatore, valori quali salvaguardia dell’ambiente, risparmio delle risorse naturali, responsabilità sociale – salute e sicurezza sul lavoro. I risultati ottenuti dalle politiche sostenibili attuate dall’azienda hanno incentivato l’azienda stessa ad investire in progetti di R&S per l’impiego di tannini di castagno in vari settori e valutarne le possibili applicazioni.

Gruppo Mauro Saviola srl
Via Cassia Km. 149
53040 Radicofani (SI)

Biofan Società Cooperativa

Biofan Società Cooperativa La Cooperativa Biofan si trova a Monticello Amiata nel Comune di Cinigiano (GR) in Toscana, tra i boschi di castagni ai piedi del monte dal quale il piccolo borgo medievale prende il nome. È una cooperativa formata dal progetto COOPSTARTUP nell'anno 2016. Produce beni alimentari da forno (biscotti salati all’anice) innovativi e tradizionali con proprietà salutistiche, valorizzando le materie prime reperibili sul territorio. L'obiettivo è di riuscire a coniugare prodotti sani con la forza tipica della giovane età dei soci per soddisfare i bisogni dei clienti di ogni tipo. L’obiettivo della cooperativa è quello di realizzare e offrire ai clienti due prodotti alimentari a base di farina di castagne. I principali prodotti, con caratteristiche salutistiche, che saranno sviluppati nel progetto e commercializzati dalla cooperativa sono: • Barrette proteiche a basso contenuto di grassi e senza zuccheri aggiunti derivati da farina biologica di castagne con certificazione IGP; • Bevanda analcolica al gusto di frutta, senza zuccheri aggiunti derivati da castagne biologiche ed IGP. La produzione, di natura artigianale, sarà inizialmente rivolta al centro-nord Italia, comunque a distributori che sono sensibili a prodotti di qualità e che si rivolgono a consumatori di nicchia: punti vendita bio, negozi per celiaci, ecc.), e ad una clientela diversa, quale: a) negozi specializzati di prodotti biologici e salutistici; b) reparti speciali della grande distribuzione; c) consumatori finali mediante vendita web, anche per quantità ridotte, soprattutto per soddisfare anche le necessità in aree marginali. Il destinatario finale dei nuovi prodotti è essenzialmente un consumatore che legge le etichette sulle confezioni e che è in grado di “individuare” i fattori nutrizionali più adeguati al proprio stile di vita. Il prodotto è indirizzato, quindi, a una corretta dieta dell’anziano, come del giovane, impegnato in attività fisiche, sia per scopi lavorativi, che sportivi; è indirizzato inoltre ai bambini per una merenda veloce durante la scuola o il gioco. Le motivazioni che stanno alla base di questa iniziativa sono: la valorizzazione della Castagna del Monte Amiata IGP e dei trasformati che possono creare una micro economia aggiuntiva alla filiera castanicola; con l’opportunità di creare occupazione giovanile. Biofan si avvale già di collaborazioni esterne, che questo progetto amplierà, quali l’Università di Firenze e tecnologi alimentari, nonché l’Associazione della Castagna del Monte Amiata IGP, che collaborano alla messa a punto di tecnologie, processi produttivi e procedimenti per la lavorazione. Biofan ritiene che l’iniziativa possa avere vari elementi di successo, basati essenzialmente sulla possibilità di intervenire nei segmenti di mercato dei prodotti salutistici e degli integratori, ancora non saturi e in continua espansione ed evoluzione, quali: - incremento della domanda di prodotti salutistici, sia in valori quantitativi, sia dal punto di vista della diversificazione: molti più consumatori chiedono nuove tipologie di prodotti (consumo verticale e orizzontale); - sensibilizzazione diffusa di un pubblico allargato (per età e per capacità di reddito) verso un’alimentazione più attenta e salutare: il consumatore finale è culturalmente rivolto a soddisfare i fabbisogni nutrizionali in termini qualitativi, selezionando con attenzione “la spesa” quotidiana.

Referente: Fazzi Lorenzo

Telefono: 340/9382037/ email: info@cooperativabiofan.it

Biofan Società Cooperativa
Località la Concia - Monticello Amiata
58044, Cinigiano (Grosseto)

Azienda agricola Fazzi Fulvio

Fazzi Fulvio si è insediato come impresa individuale, su una struttura aziendale iniziale, composta di terreni siti nel Comune di Cinigiano (GR), nella frazione di Monticello Amiata, come Insediamento giovani per olivicoltura e castanicoltura. L’ordinamento colturale produttivo è suddiviso fra uliveti per Ha 02.52.40 e castagneti da frutto per Ha 03.17.85. Il Signor Fazzi Fulvio ha stipulato contratti di affitto per tutti i terreni oggetto dell’insediamento. Al dicembre 2016 il titolare, non possedeva ancora nessun macchinario, non aveva fabbricati sui terreni d’impresa né alcun tipo di allevamento. L’azienda si è adoperata per dotarsi di macchinari indispensabili per la conduzione agricola, in particolare acquistando attrezzature per la ripulitura dei terreni e per la raccolta e la lavorazione delle castagne. L'azienda sul finire del 2016 ha stipulato dei contratti di affitto fino al 2022 come titolo di conduzione dei terreni per una superficie totale di Ha 23.67.33, di cui Ha 05.58.27 sono terreni produttivi (la restante superficie sono terreni incolti o tare). Tale ordine colturale aziendale produce uno Standard Output di € 15.244,96. L'attività aziendale è incentrata sulla trasformazione e commercializzazione diretta delle castagne, in modo da aumentarne il valore aggiunto, visto che il titolare conduce la sua azienda utilizzando metodi biologici. Gli oliveti costituiscono una fonte di reddito complementare al mercato delle castagne. L’azienda aderisce alle certificazioni di qualità, IGP Castagna del Monte Amiata e DOP Olio Extravergine di Oliva Seggiano, oltre che la certificazione biologica. Per iniziare l'attività sono stati acquistati alcuni macchinari indispensabili per la conduzione dei castagneti e per il confezionamento e la raccolta delle castagne ed è stato realizzato un locale prefabbricato come punto di appoggio per tali lavorazioni, compreso un laboratorio per la trasformazione e l'essiccazione (mulino, essiccatoio, etichettatrice ecc..). Il beneficiario è in possesso delle competenze professionali necessarie a ottenere il requisito d’imprenditore agricolo a titolo professionale, poiché ha il diploma di di perito agrario.

Referente: Fazzi Fulvio

Telefono: 389/01099440/ email: fulvio.fazzi@yahoo.it

Azienda agricola Fazzi Fulvio
Località Monticello Amiata, SNC
58044 Cinigiano GR

PIN Soc. Cons. A.r.l. – Servizi didattici e scientifici per l’Università

PIN Soc. Cons. A.r.l. – Servizi didattici e scientifici per l’Università L’organismo di ricerca PIN, si pone come strumento innovativo nel rapporto tra Università e società a sostegno dello sviluppo, della ricerca scientifica, del trasferimento verso il sistema produttivo. L’attività di ricerca applicata si avvale di laboratori universitari operanti in una pluralità di settori produttivi e specializzati per competenze tematiche diversificate, ed è rivolta al trasferimento dei metodi applicati, delle tecnologie verso il sistema produttivo. Il gruppo di ricerca in questo progetto è coordinato della Prof.ssa Romani, Referente Scientifico del Laboratorio di Qualità delle Merci e Affidabilità di Prodotto (QuMAP), che dal 2005 opera nei settori della caratterizzazione e definizione della qualità delle merci, di prodotto e di sistema, dell’affidabilità di componenti e sistemi, nonché nella certificazione. Il laboratorio si propone di costituire un riferimento informativo e operativo per sostenere la ricerca e la richiesta di conoscenza e controllo dei problemi comunque connessi con la qualità, l’innovazione, la valorizzazione, la produzione, l'utilizzo e il controllo delle merci, sicurezza ed etica, sviluppo sostenibile. Vengono studiati aspetti il riciclo dei materiali, la sostituzione dei prodotti e processi più inquinanti o meno efficienti, il riutilizzo degli scarti come materie prime seconde, l'ottimizzazione dei processi, con particolare attenzione al settore agro-alimentare e la tutela delle biodiversità tipiche, impiegando metodi chimici analitici qualitativi e quantitativi per la determinazione di sostanze biologicamente attive e per la valutazione di eventuali sofisticazioni nei settori agro-alimentare, farmaceutico e cosmetico. Si possono distinguere cinque categorie di ricerca principali: i) caratterizzazione di metaboliti secondari attivi di specie vegetali aromatiche, officinali, medicinali, specie spontanee e native della macchia mediterranea e varietà di vite, olivo, leguminose, brassicaceae e zafferano; ii) sviluppo di metodi specifici di estrazione, frazionamento, isolamento e caratterizzazione di metaboliti secondari di potenziale interesse farmaceutico, alimentare, cosmetico e tessile-tintorio e alla relativa industrializzazione di processi estrattivi a base acquosa o mediante fluidi sub-critici e supercritici; iii) studi mirati alla ottimizzazione delle caratteristiche tecnologiche e di stabilità di farmaci, estratti vegetali e preparazioni commerciali. Valutazione delle attività biologiche quali, attività antiossidante, antiradicalica, antimicrobica in vitro e antiinfiammatoria su linee cellulari specifiche; iv) sviluppo di metodi per il controllo della qualità e la stabilità del prodotto; v) LCA (Life Cycle Assessment) studi e sistemi di gestione per la qualità e la sicurezza di prodotto e di processo. Prof. Annalisa Romani, PhD in Scienza e Tecnologia delle Piante Medicinali, è inoltre, tra l’altro: Professore associato di " Chimica Merceologica e Merceologica e Qualità delle Risorse" (SECS-P/13); Professore Ordinario Abilitato dal 2015 Chimica merceologica e Tecnologia dei Cicli Produttivi SECS P/13; Presidente e referente Scientifico del Laboratorio PHYTOLAB (Pharmaceutical, Cosmetic, Food supplement Technology and Analysis); Presidente del corso di Economia e Ingegneria della Qualità, Facoltà di Economia-Facoltà di Ingegneria e membro della Commissione Orientamento e Sviluppo; Direttore del Laboratorio di Merceologia e Qualità delle Risorse, Facoltà di Economia, Università di Firenze; Responsabile scientifico del Laboratorio di Qualità delle Merci ed Affidabilità di Prodotto, Polo Universitario Città di Prato-PIN-Università di Firenze Chimica Merceologica e di Qualità di Prodotto per il CdL Economia e Ingegneria della Qualità, Università di Firenze dal 1994; È autrice di più di duecento pubblicazioni di cui più di cento in riviste scientifiche internazionali quali: J. Of Clinical Nutrit. (UK), J. Agric. And Food Chem. (USA), Chromatographia (D), Colloid and Surfaces (UK), Rapid Com. Of Mass Spectrom. (Canada), Food Chem (USA), Free Radical Research (UK), Photochem. Photobiol (UK), Phytochem. Anal. et al., Nat. Prod. Comm.(IT), È detentrice di 10 brevetti nazionali ed europei

Referente: Chiara Vita

Telefono: 0574602544/ email: chiara.vita@pin.unifi.it

PIN Soc. Cons. A.r.l. – Servizi didattici e scientifici per l’Università
Piazza G. Ciardi 25
59100 Prato (PO)

ISIS Leopoldo II Lorena - CRISBA

ISIS Leopoldo II Lorena - CRISBAL’I.S.I.S. “Leopoldo II di Lorena” è un Istituto Superiore dal forte legame con il territorio e con l’ambiente; in questa realtà formativa sono confluiti l’I.S.I.T.P. “Leopoldo II di Lorena” che si fregiava a giusto titolo dell’appellativo di “Istituto Agro-ambientale” per la sua capacità di promuovere attività strettamente connesse con lo sviluppo agricolo sostenibile, con la salvaguardia ambientale e con la conservazione delle specificità del territorio, e l’Istituto “Einaudi” che si è sempre impegnato nell’educazione degli studenti a comportamenti basati sul rispetto dell’ambiente, sull’alimentazione sana costituita da prodotti biologici e naturali, sulla valorizzazione dei prodotti tipici. L’Istituto è dotato di una serra riscaldata (450 mq) con bancali di radicazione per la propagazione di specie orto-florovivaistiche e dispone altresì dell’Azienda Agraria Macchiascandona, sita nel Comune di Castiglione della Pescaia (GR), con una superficie complessiva di 85 ettari, di cui 20 ettari a oliveto (complessive 2.000 piante), 5 ettari a vigneto e 40 destinati a seminativo, utilizzabili anche per sperimentazioni in pieno campo. L’Istituto ha al proprio interno il CRISBA (www.crisba.eu), un Centro Ricerche che svolge attività di sperimentazione scientifica in ambito agro-ambientale, fondato all’interno dell’Istituto nel Luglio 2010. Il Centro ha personale tecnico qualificato rappresentato da un ricercatore laureato in biotecnologie vegetali e microbiche, di un laboratorio scientifico di microbiologia, dotato anche di strumentazioni analitiche per lo svolgimento di saggi immunoenzimatici su matrici agroalimentari, di un laboratorio per le colture cellulari vegetali in vitro, di una serra attigua di nuova concezione e usufruisce di superfici coltivabili nelle quali vengono svolte periodicamente delle prove sperimentali in pieno campo. Il CRISBA è un punto di riferimento per la ricerca, la sperimentazione e la divulgazione scientifica nel settore agroambientale e alimentare del territorio grossetano, fungendo da raccordo fra il mondo scientifico e le realtà produttive locali. Le attività di ricerca del Centro, svolte con il coinvolgimento diretto di aziende agricole provinciali, riguardano in particolar modo l’impiego di isolati microbici quali biofertilizzanti e biofitofarmaci delle colture agrarie, la valorizzazione della qualità e della sicurezza alimentare nella filiera cerealicola maremmana, lo studio delle colture da biomassa energetica, la tutela della biodiversità locale protetta e l’esecuzione di prove agronomiche su commissione. Il Centro rappresenta inoltre un valore aggiunto per l’Istituto Superiore che ne ospita le strutture, grazie al CRISBA gli studenti dell’ISIS “Leopoldo II di Lorena” possono infatti entrare in contatto diretto con il mondo della ricerca applicata all’agricoltura, prendere dimestichezza con le strumentazioni scientifiche del settore e partecipare a percorsi didattici teorico-pratici che vengono periodicamente attivati dal Centro e che sono incentrati sulle più innovative acquisizioni scientifiche in ambito agricolo. Il CRISBA realizza anche convegni, seminari e workshop con la partecipazione dei massimi esponenti del mondo accademico, che illustrano ai partecipanti le recenti acquisizioni scientifiche nei settori di competenza, alimentando il dibattito su temi sensibili e presentando al contempo le innovazioni tecniche applicabili alla realtà agricola provinciale. Dal Luglio 2012 il Centro Ricerche svolge anche analisi chimiche immunoenzimatiche nell’ambito di un progetto denominato “Il CRISBA al servizio della cerealicoltura maremmana”, finalizzato al monitoraggio della contaminazione da micotossine nelle produzioni cerealicole del territorio provinciale. In ambito cerealicolo dal Giugno 2015 il CRISBA collabora con l'azienda Eurosider S.a.s. per testare un sistema brevettato di conservazione dei cereali in atmosfera controllata di azoto, in grado di garantire il mantenimento della qualità e salubrità dei cereali nelle fasi post-raccolta. A oggi, il Centro Ricerche, ha all’attivo decine di pubblicazioni e partecipazioni a congressi scientifici nazionali ed internazionali. L’Istituto da qualche anno dispone infine di un impianto semi-industriale di estrazione, costituito da una vasca di macerazione per l’imbibizione del materiale vegetale (1000 litri) e di un estrattore rapido Naviglio con camera di estrazione da 200 litri, che consente di ottenere estratti da matrici vegetali di diversa natura (fra cui piante officinali e officinali-tintorie) 18 delle quali vengono poi valutate le potenzialità di applicazione in agricoltura, come repellenti naturali e biocidi, nel settore tessile-tintorio come pigmenti nonché negli usi cosmetici ed alimentari.

Referente: Lorenzo Moncini

Telefono: 0564/484821/ email: moncini@crisba.eu

ISIS Leopoldo II Lorena – CRISBA
Via de Barberi
58100 Grosseto

Centro Studi Turistici di Firenze

Centro Studi Turistici di FirenzeIl Centro di Studi Turistici di Firenze è un’associazione senza scopo di lucro composta da operatori pubblici e privati, creata nel 1975 dall'Azienda di Soggiorno di Firenze, per svolgere attività di studio e di ricerca nel turismo. Una continua osservazione e interpretazione del mercato e l’approccio funzionale ad ogni esigenza ha creato i presupposti per sviluppare diversi progetti di ricerca, dai più tradizionali a quelli più articolati e complessi. I principali ambiti in cui si sviluppano le attività sono: - OSSERVATORI TURISTICI PREVISIONALI – forniscono, in tempi utili per la programmazione delle attività, le informazioni quanti-qualitative di cui necessitano gli Enti e le imprese. - OSSERVATORI D'AREA – un sistema di rilevazione flessibile per far rilevare il trend del periodo e le informazioni di interesse nell’ambito di un determinato territorio. - INDAGINI MOTIVAZIONALI – tramite rilevazioni di tipo campionario si individuano le caratteristiche della domanda, un identikit e un profilo comportamentale del turista, il livello di soddisfazione e gli ambiti di criticità dell’offerta che richiedono interventi migliorativi. - MARKET ANALYSIS DELLA DOMANDA E DELL’OFFERTA – realizzata su una serie storica di dati, domanda e offerta, misura l’evoluzione attraverso la l’analisi dei diversi indici. - STUDI SULL'IMPATTO ECONOMICO DEL TURISMO, DI EVENTI E MANIFESTAZIONI VARIE – Il turismo attiva un moltiplicatore del reddito indotto dalle diverse attività che i visitatori svolgono. Questo determina una domanda aggiunta che genera un aumento delle attività economiche e dell’occupazione. Il modello di analisi elabora la stima degli impatti. - PIANI DI SVILUPPO TURISTICO TERRITORIALI – programmi di azioni integrate per valorizzare le potenzialità di un territorio, accrescere la competitività e lo sviluppo economico e sociale. - INDAGINI SULLE ESIGENZE OCCUPAZIONALI NEL SETTORE TURISTICO – individuazione dei profili professionali già collaudati e quelli nuovi dell'intero comparto. - VERIFICA DELL’EFFICACIA DELLE AZIONI PROMOZIONALI – attività di misurazione dei risultati prodotti dalla realizzazione di azioni previste da specifiche strategie promozionali e di marketing. INDAGINI SU PRODOTTI E FENOMENI DIVERSI DEL SETTORE TURISTICO E NON – sono ormai numerosi gli studi realizzati nel corso degli anni su tematiche differenti del settore (turismo scolastico e di studio, congressuale, agriturismo, turismo religioso, wedding tourism, agenzie di viaggio, ristorazione, turismo giovanile, sportivo, brand reputation, mobilità turistica, ecc.). - ATTIVITA’ PER LE IMPRESE – Indagini di mercato, Studi di fattibilità, Piani di marketing . Oltre alle attività sopradescritte, il CST è AGENZIA FORMATIVA ACCREDITATA in REGIONE TOSCANA con codice di accreditamento FI0228 e progetta corsi di formazione dagli anni ’80 gratuiti e a pagamento nel settore del turismo, ristorazione, commercio, etc. L’attività di ricerca e il contatto con gli operatori consente inoltre di elaborare profili professionali pensati per il futuro, in grado cioè di anticipare i tempi del mercato e fornire quindi un vantaggio competitivo alle aziende. Il CST di Firenze è conforme ai requisiti della norma per i sistemi di gestione UNI ENI ISO 9001:2008 (ISO 9001:2008) valida per i seguenti campi applicativi: 1. Progettazione ed erogazione di servizi di formazione professionale in ambito Turistico – Commerciale; 2. Progettazione ed erogazione di servizi di studio, ricerca e consulenza in ambito Turistico – Commerciale (Settore EA: 37 – 35).

Referente: Gianfranco Lorenzo

Telefono: 055 3438733/ email: g.lorenzo@cstfirenze.it

Centro Studi Turistici di Firenze
Via Piemonte, 7,
50145 Firenze FI

Toscana Formazione S.r.l.

Toscana Formazione S.r.l.TOSCANA FORMAZIONE S.r.l. (agenzia formativa Codice di accreditamento: LI0511) opera da anni nel settore agricolo in tutta la Regione, avvalendosi di tecnici professionisti (agronomi, forestali, economisti) sul territorio, che ben conoscono le caratteristiche produttive ed imprenditoriali locali. Una attività continua di formazione, consulenza, informazione, divulgazione che si sviluppa a livello regionale sia direttamente con le imprese agricole ed agroindustriali della nostra regione, sia con un rapporto di collaborazione con le principali Organizzazioni professionali agricole (Coldiretti e Confagricoltura). Sul piano generale, Toscana Formazione apporta la considerevole esperienza maturata nella realizzazione di decine di progetti di formazione finanziata nell’ambito del FSE, fra cui: Coltivando - Addetto agli interventi tecnici ed agronomici sulle coltivazioni e alla gestione di impianti, macchine e attrezzature, Progetto drop-out Provincia di Firenze, con Chiantiform (capofila), Coop 21 e Istituto Vasari. Durata: 2100 ore, inizio marzo 2016, 19 allievi: progettazione, docenza, tutoraggio, coordinamento didattico. Oper.Agri - Addetto agli interventi tecnici ed agronomici sulle coltivazioni e alla gestione di impianti, macchine e attrezzature, Progetto drop-out Provincia di Firenze, con Chiantiform (capofila), Coop 21 e Istituto Vasari. Durata: 2100 ore, inizio marzo 2015, 145 allievi: progettazione, docenza, tutoraggio, coordinamento didattico. OLIVA - Operatore lavoro Impresa per la Valorizzazione dell’Agricoltura –- Circondario Empolese Valdelsa- 400 ore - 2013-2014 Capofila, con Co&So EVV e ASEV: progettazione, direzione, docenza, tutoraggio, orientamento. Compagri - Competenze certificate per il lavoro in agricoltura – Bando 2012 Provincia di Pisa - 400 ore – 2013-2014 - capofila con Co&So EVV e CAICT Coldiretti: progettazione, direzione, docenza, tutoraggio, orientamento. Nell'ambito del CFT Mugello e del CFT Valdisieve (2013-2014) ha inoltre realizzato i seguenti corsi: Tecniche di potatura e di innesto (80 h), Tecniche di potatura (70 h), Tecniche di giardinaggio (90 h). TOSCANA FORMAZIONE è anche capofila (11 partner) del progetto “A.I.T. - Allevato in Toscana” approvato dalla Regione Toscana sul bando di formazione strategica “Agribusiness” che attiverà oltre 30 iniziative di formazione /informazione/orientamento sul territorio toscano. Nelle prossime settimane si attiverà il progetto sulla mis 1.1 del PSR toscano “AGRIFORM” 1200 ore di formazione con 31 corsi e 4 workshop. Può quindi apportare le capacità progettuali e gestionali del suo staff, le competenze e professionalità metodologiche e scientifiche dei suoi collaboratori e la vasta rete relazionale sviluppata sia in proprio sia dalle aziende socie, rispondendo in questo modo a un ampio arco di esigenze nel campo della formazione. Tutto questo, nella consapevolezza che fare formazione significa intervenire in maniera finalizzata e strutturata sul background culturale delle persone attraverso strumenti e metodologie organiche e mirate, nel segno dell’innovazione e di una didattica partecipata. Apporta inoltre il valore aggiunto della sua vasta rete di relazioni, riflessa sia nella sua partecipazione a due Poli Tecnico Professionali agricoli e a tre Fondazioni Its, sia nella sua iniziativa di promozione e consolidamento della rete regionale Retis Nova, un network cui partecipano agenzie formative, dipartimenti universitari, poli di ricerca e innovazione, incubatori di impresa, aziende, con la finalità di elaborare analisi dei fabbisogni e progettualità comuni. Nello specifico ambito del trasferimento delle tecnologie e innovazioni di processo di Industria 4.0, sono varie e integrate le competenze possedute dal proprio staff progettuale e didattico e il coinvolgimento attraverso Retis Nova di esperti del settore

Referente: Alessandro Marrucelli

Telefono: 055 8456673/ email: marrucelli@toscanaformazione.net

Toscana Formazione S.r.l.
Via A. Celi 5,
58100 Grosseto GR

Azienda Agricola Tiberi Massimo

L’Azienda Agricola Tiberi Massimo è ubicata nei Comuni di Cinigiano ed Arcidosso, si estende sulle propaggini collinari occidentali del Monte Amiata in Provincia di Grosseto. L’azienda di nuova formazione in seguito ad un “insediamento giovani” finanziato con il PSR della Regione Toscana 2014- 2020, ha un indirizzo produttivo essenzialmente castanicolo ed olivicolo ed ha una superficie di circa circa 22 ettari. Massimo Tiberi è un Dottore Agronomo con qualifica di IAP che conduce l’azienda mediante contratti di affitto. L’azienda ha a disposizione alcune strutture utilizzate come magazzino per lo stoccaggio delle materie prime. Ha circa 9 ettari di oliveto, 2,75 di lupinella, 3 ettari di erbaio, 8 ettari ritirati dalla produzione ed 1 ettaro di castagneto da frutto con le principali varietà IGP dell’Amiata. Con la partecipazione al GO vuole impegnarsi, assieme agli altri castanicoltori a lavorare sulla trasformazione del prodotto fresco e alla sua diversificazione. Con questo progetto, è emersa la possibilità di proporsi come azienda sperimentale per innovare i sistemi raccolta, di selezione e trattamento dei frutti, per una loro migliore conservazione, valorizzazione ed utilizzo come trasformati.

Referente: Massimo Tiberi

Telefono: 347/6040710 / email: tiberimassimo@tiscali.it

Azienda Agricola Tiberi Massimo
Podere Banditella,
58044 Monticello Amiata GR

Silva Soc. Coop. Agricola

Silva è una società cooperativa agricola a prevalente indirizzo selvicolturale e specializzata nella produzione di paleria di castagno, legname di conifere e legna da ardere. Gestisce in affitto circa 140 ettari di terreni ubicati in Provincia di Grosseto, Comuni di Santa Fiora, Arcidosso, Seggiano e Castiglione della Pescaia e in Provincia di Prato, Comune di Cantagallo. Si tratta di terreni perlopiù boscati, composti sia da boschi cedui che da fustaie di conifere e castagneti da frutto. Oltre alla diretta gestione di questi terreni, la ditta svolge lavori in tutto il territorio regionale sia di utilizzazione boschiva, previo acquisto di boschi in piedi presso privati e aziende agricolo-forestali, che di manutenzione territoriale. L’azienda lavora mediamente 30-40 ettari di boschi all’anno, sia in territorio amiatino che in Val di Bisenzio, occupando attualmente 14 operai, 4 a tempo indeterminato e 10 a tempo determinato, ma nel corso dell’anno il loro numero può variare anche di molto in funzione dei lavori da eseguire. La Cooperativa è interessata alla partecipazione al GO per promuovere una diversificazione aziendale con la possibilità di mettere a punto nuove produzioni

Referente: Ticu Gheorghe

Telefono: 0564/977500/ email: silvacop@libero.it

Silva Soc. Coop. Agricola
Via dei Forni, 13
58037 Santa Fiora GR